freelance

“Lo Stato tagli del 30% l’Iva in scadenza a maggio”. È quanto propone l’ex vice ministro degli Esteri Mario Giro, del coordinamento nazionale di DemoS-Democrazia Solidale.

“Di fronte a un rischio di grande depressione, pensare di far ripartire l’Italia solo con i prestiti è insufficiente. Bisogna offrire subito forti misure di sostegno, che premino chi produce e paga le tasse. Per questo chiediamo che lo Stato conceda lo storno del 30% dell’importo dovuto nella prossima liquidazione Iva del primo trimestre in scadenza al 18 maggio 2020” sottolinea Giro

“Molte imprese e liberi professionisti si vedranno a breve obbligati a versare l’Iva sulla base del normale lavoro dei primi mesi. Ora però si trovano ad avere un gravissimo crollo di fatturato e di liquidità: non è noto quando ritorneranno alla normalità, ma sappiamo che vi sarà una generale contrazione della domanda di beni e servizi. Con la proposta di DemoS, denaro fresco potrà aiutare” aggiungono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.