DemoS Piemonte è pienamente consapevole della grave emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese a seguito della pandemia, ma è anche altrettanto persuasa che la lotta alla diffusione del virus non deve tralasciare la difesa dei diritti fondamentali della persona, che deve essere al centro di ogni decisione politica.

Per questo motivo riteniamo che la protesta di Anita e Lisa, che da circa un mese chiedono la riapertura delle scuole medie sia del tutto legittima e ancor più giustificata dal momento che il Piemonte è una regione in zona gialla e secondo le direttive ministeriali è prevista la didattica in presenza nella scuola secondaria di primo grado. L’esempio delle due ragazze è stato seguito anche da altri, sono sorti comitati spontanei di genitori e docenti, che si sono mobilitati per ribadire che l’istruzione è diritti costituzionale e che deve essere garantito in maniera prioritaria.

Sappiamo che il Presidente della Regione Piemonte con un’ordinanza specifica ha confermato la chiusura delle classi Seconde e Terze Media fino al 7 gennaio, senza peraltro fornire un’adeguata motivazione.

Le scuole dunque in Piemonte, continuano a rimanere chiuse, mentre tutte le altre attività commerciali riprendono, seppure nell’ambito delle limitazioni previste dalle leggi nazionali, e quindi il diritto allo studio, per migliaia di studenti piemontesi, è tuttora fortemente compromesso, perché la didattica a distanza non garantisce uguaglianza e parità di condizioni, con la conseguente emarginazione di una significativa parte della popolazione scolastica, invisibile e senza voce.

Alla luce delle considerazioni chiediamo al Presidente della Giunta Regionale di attivarsi per garantire la riapertura di tutte le scuole piemontesi nel più breve tempo possibile, garantendo ai ragazzi e alle loro famiglie le condizioni minime di sicurezza, nel rispetto dei diritti negati, adottando finalmente una visione programmatica che non si limiti a inseguire l’epidemia, ma sia capace di governarla in maniera efficace ed efficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.